ENERGIA: BARBANO (ADRE HYDROPOWER), INVESTIRE IN RICERCA E SVILUPPO È SCELTA VINCENTE PER INCREMENTARE COMPETITIVITÀ SISTEMA ECONOMICO

Per rilanciare l’intero sistema Paese e ottenere una maggiore competitività nel settore della produzione energetica e quindi di quella industriale, è necessario investire sempre di più in Ricerca e Sviluppo per puntare ad ottenere un’offerta tecnologica che soddisfi la domanda interna oltre a quella dei mercati esteri”. E’ quanto ha dichiarato l’Ing. Claudio Barbano, Amministratore Delegato di ADRE Hydropower, società che sviluppa e realizza centrali idroelettriche, a margine dell’evento “Le Sfide Europee dell’innovazione Energetica Italiana”, tenutosi stamattina a Roma.
“In molti comparti legati all’energia – prosegue Barbano – l’Italia ha un ruolo da protagonista per l’altissimo valore aggiunto in termini di know how, soprattutto a livello di engineering. Purtroppo, da un punto di vista manifatturiero, ovvero della produzione di macchine e componentistica destinate a produrre l’energia elettrica da fonte rinnovabile, emerge una scarsa competitività rispetto ad altre economie. È ora di invertire la tendenza – conclude l’AD – per attrarre nuove risorse a sostegno della nostra economia e rispondere, così, alle esigenze del mercato globale”.
L’incontro, organizzato dal ICom – Istituto per la Competitività e coordinato dal presidente Stefano Da Empoli, ha visto la partecipazione dei più importanti player del settore energia e delle istituzioni, tra i quali Silvia VELO, sottosegretario all’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Massimo MUCCHETTI, presidente Commissione Industria Senato della Repubblica, Alberto BIANCARDI, componente dell’Autorità per l’energia elettrica il gas ed il sistema idrico e Tullio FANELLI di ENEA.
Tra i temi affrontati durante i lavori il rinnovo delle Istituzioni UE in vista del semestre di Presidenza italiano, il progetto quadro HORIZON 2020, lo stato della ricerca energetica privata e la competitività delle startup energetiche italiane.

Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on Facebook