rinnovabili_it

ADRE HYDROPWER SVILUPPERÀ 4 CENTRALI IDROELETTRICHE IN SERBIA

IL CEO Barbano: vogliamo esportare nei mercati internazionali la tecnologia “green” Made in Italy

(Rinnovabili.it) – ADRE Hydropower, azienda leader nell’Engineering & Construction, ha firmato oggi un accordo per lo sviluppo in Serbia di 4 nuove centrali idroelettriche.
Le regioni in cui saranno realizzati i nuovi impianti si trovano sul fiume Lim, nel territorio del comune di Prijepolje e nella Serbia sud-occidentale, al confine con il Montenegro. Il progetto prevede un totale di circa 30MW di potenza installata per una quantità di energia annua prodotta di 140 mila MWh, pari al fabbisogno di circa 70.000 famiglie.

“Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato l’Ing. Claudio Barbano, Amministratore Delegato di ADRE Hydropower – perché si tratta di un progetto ambizioso in un paese in forte sviluppo e con un grande bisogno energetico”. “Le nuove centrali – ha spiegato – forniranno energia elettrica alle imprese locali e per il consumo domestico e, grazie alla tecnologia green innovativa e di altissima qualità che utilizziamo, saranno perfettamente sostenibili da un punto di vista ambientale, sia per le popolazioni locali, sia per il territorio paesaggistico”. L’accordo di oggi – ha concluso Barbano – si inserisce perfettamente nel piano industriale strategico che prevede un rafforzamento sui mercati internazionali del Gruppo ADRE Hydropower”.

Adre Hydropower è una azienda leader nell’Engineering & Construction specializzata nella progettazione e costruzione di centrali idroelettriche di media potenza e nella loro gestione. È presente in Europa, America del Sud e Asia, con centrali di proprietà e uffici operativi in Italia, Albania, Serbia, Macedonia, Cile e Indonesia.
Adre Hydropower impiega personale diretto, amministrativo e tecnico per lo sviluppo di impianti per un totale di potenza installata di oltre 300MW.
Obiettivo dell’Azienda è favorire e incentivare la diffusione delle fonti energetiche pulite a livello internazionale, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo e nelle economie emergenti.

Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on Facebook